la forza centrifuga del vuoto

Riporto di seguito il post di un caro amico.

“A volte mi sono messo di impegno a sentire e capire quale fosse la differenza della sensazione di vuoto quando si ferma il cuore per un istante nel caso di extrasistolia benigna e quando invece la sensazione di vuoto ti è data da qualcosa che per te vale tanto ma sembra che ad un certo punto si vaporizzi, senza preavviso, solo vuoto. Per capirla devi sentirla molte volte, ma per sentirla molte volte o te la autoinfliggi e non è che si faccia a comando, oppure ti tocca stare davanti a quelle situazioni che ti svuotano dentro, ma a nessuno piace trovarsi li in quel momento. Eppure per difenderti da questo vuoto devi conoscerlo, perchè se conosci il tuo nemico sai come difenderti dai suoi attacchi e sai anche come colpirlo. Io però sono di indole buona e non attacco mai, nemmeno per debellare il nemico, attendo sempre con pazienza che si accorga che dal farmi del male non trarrà alcun beneficio.  Ma io ed il mio nemico che mi svuota, non saremo mai amici, perchè quando senti questo vuoto è perchè in realtà c’è un filo, tra la tua anima e la situazione che hai davanti, che si spezza o ti accorgi che sta per rompersi. E’ un vuoto che debella ogni cellula dell’organismo, è un vuoto che per restare aggrappato a te cerca di rubarti l’ossigeno, è un vuoto che ti strappa la carne e le forze, si impossessa di te e ti punisce, per qualcosa che spesso non hai fatto. A me è capitato di essere stato schiaffeggiato dal mio vuoto perchè ero stato assente per una persona. E mi chiedo ancora perchè, perchè, perche…….Il vuoto ti strappa tutto, è intersecato nei tuoi menadri piu profondi, nei sentimenti piu atomici di te e quando parte lo fa in modo circolare, generando forza centrifuga, quella forza che ti strappa tutto dal centro del tuo universo e lo butta fuori, verso l’infinito…..”

 

One thought on “la forza centrifuga del vuoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *